Nosodi di Bach

NOSODI DI BACH: INTEGRAZIONE PSICHE-SOMA

Tutti conoscono Edward Bach nato nel 1886 da una famiglia della borghesia produttiva gallese, laureatosi in Medicina a Birmingham e divenuto famoso medico nel 1919 presso il London Homeopathic Hospital.

Si distingue subito per una preziosa intuizione: la Medicina convenzionale presta scarsa attenzione allo studio della personalità del malato, concentrandosi unicamente sull’aspetto somatico della patologia. Nota inoltre che l’applicazione di uno stesso trattamento non sempre agisce in maniera identica sul singolo paziente; Anzi l’adozione di un dato rimedio evoca risposte soggettive assai differenziate. Da acuto osservatore, egli si rende peraltro conto che individui con caratteristiche di personalità affini reagiscono alla terapia in maniera quasi sovrapponibile. In altre parole: la personalità individuale è di gran lunga più importante della sintomatologia ai fini della guarigione.

Sulla scorta di tale convinzione opta per un approccio alternativo e, in qualità di assistente batteriologo presso l’University College of London, si dedica allo studio approfondito dell’immunologia, ottenendo brillanti risultati. Da qui all’omeopatia il passo è breve e sarà questo l’asse portante di tutta la sua carriera professionale.

Ai più Bach è noto come il “padre della floriterapia”, ma è proprio al grande apporto fornito alla Scuola Hahnemanniana, interpretando i suoi lavori nell’ambito della ricerca batteriologica in chiave omeopatica, che dobbiamo essere grati; In sintesi egli identifica e classifica la pletora di batteri intestinali in precisi gruppi di nosodi che prenderanno appunto il suo nome e si riveleranno fondamentali nel trattamento omeopatico di molte affezioni croniche.

Di ciò tratterò in dettaglio in questa nota, poiché lo ritengo un omaggio dovutogli; Credo che molti fra pazienti e Colleghi non mancheranno di apprezzarlo. Noterete soprattutto di quante connessioni psico-somatiche essi si rivelino forieri.

Una precisazione basilare: NON usateli senza la prescrizione del medico!!!
Intuitivamente, per ragioni di spazio e comprensibilità, sono stato costretto ad operare una sintesi che ritengo tuttavia esplicativa del pensiero del Nostro. Non me ne vogliano coloro che, padroni della materia, noteranno qualche omissione: come ho già più volte ribadito prediligo la chiarezza e questa passa talora attraverso le strettoie della sintesi.

DYSENTERY-CO. BACH (B. dysenteriae):
Sintomo-chiave è l’ansia di anticipazione... agitazione, irrequietezza, cefalea frontale e/o sovraorbitaria a frequenza ciclica ogni 7-14 giorni, sindrome gastrocardiaca, turbe cardiache funzionali, pilorospasmo.
Rimedi associati: Arsenicum album, Argentum nitricum, Kalmia.

FAECALIS ALCALINAE BACH (A. faecalis):
Bactere gram- comune ospite del tratto gastroenterico dei vertebrati.
Rimedio associato: Sepia.

GAERTNER BACH (S. enteritidis):
Sintomo-chiave è la malnutrizione e il marcato dimagramento... specie nei bimbi e negli anziani, oltre che nella cachessia neoplastica.
Altri sintomi clinici sono rappresentati da chetosi, celiachia, gastroenterite cronica, tabe mesenterica, verminosi. A livello psichico si nota ipersensibilità ad ogni stimolo psico-fisico... iperattività cerebrale nonostante l’iponutrizione e l’astenia.
Rimedi associati: Phosporus, Silicea, Mercurius vivus.

MORGAN BACH (P. morganii):
Sintomo-chiave è la congestione - gastroepatica: bocca amara al risveglio, attacchi biliari, stipsi, emorroidi, prurito anale - polmonare: broncopolmonite infantile - genitale: dismenorrea e flush menopausale - vascolare: acrocianosi, eritrocianosi, geloni - reumatica: artrosi falangea, gonartrosi - cutanea: eczema infantile, edemi, rush pruriginosi.
Relativamente all’ambito psichico si osserva l’apprensione... ipocondria, ansia, depressione con tendenza suicidaria, misantropia.
Rimedi associati: Sulphur, Graphites, Petroleum, Psorinum.

PROTEUS BACH (B. proteus):
Sintomo-chiave è la tempesta cerebrale... irritabilità, collera violenta, intolleranza, aggressività, isteria, crisi comiziali, febbre. Altri distretti interessati sono il vascolare: acrocianosi, m. di Raynaud, s. di Méniere, angina, claudicatio intermittens - gastroenterico: ulcera duodenale da stress - cutaneo: edema angioneurotico, herpes.
Rimedi associati: Apis mell., Ignatia, Cuprum, Natrum muriaticum.

STUDIO MEDICINA INTEGRATA DR. GIANCARLO CAVALLINO | 32/8, Via Daste - Sampierdarena - 16149 Genova (GE) - Italia | P.I. 02354420107 | Cell. +39 333 3942207 | info.smige@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite